Skip links

CHI SIAMO

Ettore Vittorini

Giornalista professionista dal 1972. Redattore del settimanale Tempo per quattro anni. Al Corriere per trent’anni, dei quali venti come redattore della redazione esteri, dove – dopo una parentesi come corrispondente da Bonn (capitale dell’allora Germania Ovest) – passa al ruolo di vice caporedattore. Dal 1995 al 2003 è corrispondente per il Corriere dalla Toscana con sede a Firenze. Una volta in pensione, è nominato – nel 2005 – direttore del Master di giornalismo della Toscana gestito dalle Università di Firenze, Pisa e Siena. Dal 2007 al 2012 è docente di comunicazione e giornalismo presso l’Università di Firenze, nel polo di Prato.

Archivio dei suoi articoli pubblicati qui:

Leggi i suoi articoli pubblicati su The Black Coffee:

Leggi i suoi articoli pubblicati su Allonsanfàn:

Giorgio Scroffernecher

Di formazione tecnica, poi fotografo, regista e titolare di casa di produzione cine industriale e nuove tecniche audiovisive a Milano. Sul lago Maggiore cofondatore e DG di agenzia di comunicazione d’impresa, p.r. e strategia, con clientela presso la grande industria internazionale. Appassionato di alimentazione e medicina naturale, ha realizzato nel 1987 una struttura alberghiera dedicata alla salute del corpo, dello spirito e al lavoro di crescita personale. Ha ideato e realizzato grandi eventi sportivi, culturali e filantropici. Ha curato lo sviluppo dello sport dei disabili e la diffusione della cultura della loro integrazione. Ha contribuito alla realizzazione della Fondazione Comunitaria del VCO (rete Fondazione Cariplo) e ne ha curate l’immagine e la comunicazione. Varie esperienze nel campo della comunicazione politica.

Archivio dei suoi articoli pubblicati qui:

Leggi i suoi articoli pubblicati su The Black Coffee:

Gianpiero Cagnoni

La sua attività professionale si è svolta interamente nel settore del controllo qualità. Scelta nata per caso fortuito e, forse, fortunato. Verso la fine degli studi gli arrivarono proposte da varie società. Allora cercavano loro, non bisognava pietire un impiego, come ora. Scelse la proposta della più grande acciaieria privata italiana. Base principale Sesto San Giovanni. Non lontano dall’Oltrepò pavese, terra di origine. Lo destinarono al loro centro ricerche, (CERCO) laboratorio elettrotecnico, dove, per certo, non si moriva di fatica. I morti, non pochi, erano negli stabilimenti. In Italia, come in tanti altri paesi, il controllo in produzione era sconosciuto. Non c’erano gli strumenti per farlo. Anche volendo. Al massimo si faceva quello che fra i giovani si chiamava “la prova del fiammifero”. Chi li faceva controllava la bontà del prodotto accendendone uno, ma gli altri? Un giorno si presentò un tecnico americano con un sistema di controllo innovativo. Ultrasuoni. Quello che oggi in medicina si chiama ecografia. Il direttore del CERCO, competente e aperto, fu “costretto” ad assegnare a Cagnoni, da lui considerato bravo, ma interessato ad altre attività (tennis, viaggi, sindacato) la verifica delle possibilità applicative negli stabilimenti. Quella circostanza si trasformò in importante apporto allo sviluppo dei controlli non distruttivi (CND) in Italia.

Archivio dei suoi articoli pubblicati qui:

Elio Sgandurra

Tiene molto alla sua origine siciliana; ha insegnato Storia, ma è molto appassionato di letteratura. Ha collaborato con alcuni periodici. Ha una lontana parentela con Elio Vittorini tramite la madre dello scrittore Lucia Sgandurra.

Archivio dei suoi articoli pubblicati qui:

Leggi i suoi articoli pubblicati su The Black Coffee:

Simona Vittorini

Laureata in Storia Orientale all’Università degli Studi di Bologna, ha conseguito un dottorato in Scienze politiche presso la School of Oriental and African Studies (SOAS) dell’Università di Londra. Esperta di politica indiana, attualmente è professore associato nel dipartimento di Scienze Politiche e Affari Internazionali alla SOAS dove è titolare di vari insegnamenti. I suoi interessi di ricerca sono rivolti in particolare alla politica contemporanea indiana, l’ascesa del nazionalismo Hindu e le relazioni politiche ed economiche tra l’India e l’Africa occidentale.

Archivio dei suoi articoli pubblicati qui:

Leggi i suoi articoli pubblicati su The Black Coffee:

Patrizia Zelioli

E’ nata a Cremona, ma vive a Milano. Nella sua vita lavorativa si è sempre occupata di insegnamento (da più di 20 anni insegna nel laboratorio di scrittura giornalistica dell’Università Cattolica di Milano) e di editoria. Ha collaborato con diverse testate (La stampa, Vivimilano, Donna Moderna, Smemoranda Brothers&sisters) e scritto alcuni libri, soprattutto per bambini (Milanomillestorie , BabaLibri, Donne avventurose che hanno fatto grande Milano, Carthusia; Mappa di Milano; La città di Leonardo, Italy for Kids). Ama leggere e andare al cinema.

Archivio dei suoi articoli pubblicati qui:

Orlando Roversi

Per chi è interessato all’astrologia, è una Bilancia con ascendente Acquario e nell’ oroscopo cinese è un Topo con ascendente Scimmia.
Ha lavorato per mezzo secolo nel settore della finanza.
Si è interessato già nella giovinezza di yoga , poi di arti marziali, di zen, delle pratiche sciamaniche degli indiani d’America, e di altre pratiche esoteriche che lo hanno portato a sviluppare una sua propria meditazione che pratica quotidianamente.
Tra i suoi interessi vi sono la pittura , utilizzando svariate tecniche compresa la computer grafica: i suoi soggetti sono presi per lo più nel mondo femminile.
La letteratura, in tutte le sue forme , è un altro dei suoi interessi insieme ad una discreta conoscenza della filmografia contemporanea.

Archivio dei suoi articoli pubblicati qui:

Paola Perini

Aziendalista “neo-natale” è specializzata nelle prime fasi di vita dell’imprenditorialità innovativa. La sua sfida è di sviluppare l’imprenditorialità rigenerativa per un mondo complesso e incerto. È una Practictioner, una “persona di azione” che da tre decenni fa emergere e potenzia nuovi imprenditori e startup che innovano nell’energia e nell’ambiente, realizzando impatti positivi sulla società, grazie anche alle nuove tecnologie digitali. La sua principale vocazione è l’imprenditorialità dei giovani e delle donne che forma, accompagna e su cui investe in Italia, Medio Oriente, Africa australe e centro Asia. Ha una lunga esperienza e formazione sul campo e ama lavorare nei territori del “betweenness”, tra la realtà e la possibilità: nello spazio dell’innovazione e in particolare alla confluenza di imprenditorialità, diversità e natura. È laureata in Economia aziendale, specializzata in “Gestione dell’innovazione tecnologica e sociale”. Da qualche anno insegna “imprenditorialità” come soft-skill all’Università di Bologna.

Archivio dei suoi articoli pubblicati qui:

Leggi i suoi articoli pubblicati su The Black Coffee:

Marco Balzi

Dopo aver lavorato a lungo nel sindacato, dal 1987 si è occupato di cooperazione internazionale, prima in Mozambico e poi come responsabile dei progetti dell’Africa Subsahariana per conto di un Istituto collegato al ministero degli Esteri, gestendo sino al 1994 alcuni progetti per il rafforzamento dei movimenti sindacali dopo la fine delle dittature in Paraguay, Uruguay, Argentina, Brasile. Rientrato in Italia nel 2002 è ritornato in Brasile nel 2011 e nel 2014, ha diretto un’impresa italiana in qualità di AD operante a Rio del Janeiro e San Paolo. Rientrato in Italia nel 2016 ha aperto un’azienda individuale in Italia ancora operante che si occupa di scouting, di tecnologie innovative e di brevetti.

Archivio dei suoi articoli pubblicati qui:

Davide Troiano

Nato ad Avellino nel 1994, ha vissuto poi gli anni scolastici in provincia di Rimini. Si è trasferito in Toscana per studiare Agronomia all’Università di Pisa e, una volta laureatosi, ha trovato lavoro nelle vicinanze come tecnico di acquacoltura in un centro di ricerca sulla nutrizione dei pesci marini. Ha avuto nel frattempo una parentesi lavorativa di alcuni mesi vicino Gallipoli, sempre come tecnico di acquacoltura ma in un impianto con gabbie in mare. È appassionato di Musica, Storia e Letteratura, ha cominciato a scrivere poesie da quando frequentava le scuole elementari e continua a scriverne tuttora. Ha collaborato recentemente con Legambiente riguardo un progetto di informazione sulla Posidonia, con la realizzazione di alcuni video divulgativi. Ha iniziato una relazione a distanza durante la pandemia con quella che ora è sua moglie, cosa che lo ha portato a trasferirsi negli Stati Uniti, nell’area di Boston, nel giugno 2023.

Archivio dei suoi articoli pubblicati qui:

Federica Giomi

Nata a Cecina (Livorno) nel 1977, è un medico veterinario. Coltiva diverse passioni, come il disegno, la pittura e la scrittura, approcciandosi ad esse con estrema istintività e leggerezza. Ha due figli e lavora in un ambulatorio veterinario di un piccolo paese di provincia, Bibbona. Tra le frasi che non scorda mai di ripetersi ogni giorno, ce ne è una in particolare che la nonna paterna Ida, una donna incredibilmente forte e volitiva, le rammentava spesso: “La morte ci deve trova’ vivi”.

Archivio dei suoi articoli pubblicati qui:

Chiara Angiolini & Iginio Maletti

Chiara Angiolini è nata a Verbania; laureata in Scienze Geologiche all’Università degli Studi di Milano, da oltre 20 anni si occupa di mappe digitali e mobilità sostenibile. Attualmente lavora nell’ambito delle partnership e delle community nel settore della Location Technology. Curiosa fin dalla nascita è sempre stata attratta dalle scienze e dal progresso scientifico, negli ultimi anni si è appassionata all’antropologia e alla filosofia, per lei filosofia e pensiero critico sono necessari per una continua crescita dell’essere umano e un progresso etico, sostenibile ed inclusivo. “In teoria, la teoria e la pratica coincidono, in pratica no” (cit. Einstein)… non esiste luogo fisico o mentale dove non si possa sperimentare, dove il pensiero non riesca ad arrivare, perchè la base della nostra evoluzione è porre domande, mettere (anche mettersi) in discussione e crescere.

Iginio Maletti. Definire l’attività di cui si occupa come una professione sarebbe riduttivo. Una passione nata casualmente molti anni fa, che l’ha portato a dedicare negli anni successivi una considerevole quantità di tempo all’impegno sociale. Dopo varie esperienze lavorative inizia un percorso all’interno di un’azienda chimica, che cambierà il corso della sua vita, partendo da un laboratorio di ricerca e sviluppo arriverà a ricoprire un incarico ufficiale per il sindacato occupandosi inizialmente di prevenzione, salute e sicurezza. Ha attivamente lavorato come sindacalista nei settori chimico e metalmeccanico sul territorio durante la crisi economica tra il 2009 e il 2014, e anche oggi che ricopre un ruolo Confederale mantiene lo stesso spirito degli anni delle “barricate”. Ringrazia di essere nato nell’epoca in cui viviamo, che offre la possibilità di vivere molte vite in una vita sola, una prospettiva impensabile per le generazioni passate.

LA STRANA COPPIA: Perché abbiamo formato questa “coppia”? Perché nel nostro caso 1+1 non dà 2, ma un numero infinito di confronti e ragionamenti… perché nessun punto vista viene escluso a priori e ogni argomento viene affrontato da diversi punti di vista nell’amicizia, stima e rispetto reciproco.

Archivio dei suoi articoli pubblicati qui:

Enrica Martinetti Chiappero

Economista, con un dottorato in scienze economiche ma una laurea in scienze politiche (che aiuta ad allargare lo sguardo in una prospettiva multidisciplinare), ha percorso tutta la carriera al Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Pavia, ma con periodi di insegnamento e di ricerca all’estero. Insegna economia, economia dello sviluppo e un corso sulle diseguaglianze di genere nel mondo. Lavora su temi di ricerca che riguardano questioni di povertà e di diseguaglianza, di sviluppo – inteso non solo come sviluppo economico ma come sviluppo umano – di innovazione sociale e di democrazia economica.
Per conoscerla meglio clicca qui

Archivio dei suoi articoli pubblicati qui:

Explore
Drag